Richiesta disponibilità e prenotazione

Si prega di compilare il modulo in tutte le sue parti per richiedere la disponibilità nei periodi selezionati.


Nome:*

Cognome:*

E-Mail:*

Telefono:*

Fax:  

Arrivo:*



Partenza:*



Persone:*

Note / Richieste:  

Codice di sicurezza:




   

* campi obbligatori

Il Ristorante

Nel Ristorante, grazie ad una vetrata si può ammirare il panorama mentre si degustano piatti tipici della Valnerina e dell’Umbria secondo le più antiche ricette locali, come gli strascinati, le minestre di Farro, le fettuccine al tartufo, le lenticchie, il formaggio pecorino, l’agnello di montagna e le fettuccine ai funghi porcini.

La cucina regionale rispecchia il variegato animo popolare umbro con pietanze genuine, ingredienti di produzione locale ed erbe aromatiche. Prevalgono le preparazioni legate alla vita rurale, con particolare riferimento ai tartufi neri, alla carne di maiale, da cui vengono ricavati prosciutto e altri insaccati. Un prodotto caratteristico della cucina umbra è poi lo straordinario olio d’oliva, utilizzato quasi in ogni piatto.
A queste preparazioni regionali, sono stati aggiunti i piatti tipicamente locali a base di Farro (Triticum Dicoccum), cereale largamente coltivato a Monteleone di Spoleto nella più remota antichità e gli "Strascinati", proposti così come vuole la ricetta dell’anno 1494 (cronaca umbra del XV Secolo).

Il Farro era largamente usato dagli Iguvini (popolo Italico) all’età del Bronzo, come testimoniano Cariossidi di Triticum Dicoccum nella Tomba della Biga e le Tavole Iguvine in lingua umbra (torta "Mefa" focaccia piatta, schiacciata). Il Farro era la base del "Puls", minestra di cereali per i Greci e i Romani ed era parte integrante del vettovagliamento dell’esercito romano. Ancora oggi, tradizioni popolari come la festa di S. Nicola, sono caratterizzate dalla distribuzione del farro alla popolazione.

Gli "Strascinati" è un piatto "d’amore" che una giovane umbra innamorata improvvisò per calmare le ire dei Vitelli, stanchi ed affamati, che invasero la terra di Monteleone, onde dare aiuto al Re di Francia Carlo VIII, intento allora alla conquista del reame di Napoli: "..del come e del quando vennero per la prima volta serviti in tavola gli "Strascinati", da una avvenente fantesca del Castello di Vetranola, in quel di Monteleone dell’Umbria a salvezza da morte degli uomini del Castello e di colui che amava."

Per gruppi di motociclisti, prepariamo ottimi pranzi e convenzioni speciali.